Tintarella artificiale: la nuova generazione degli autoabbronzanti

La bella stagione è praticamente arrivata e con essa la voglia di andare al mare, ma soprattutto di prendere la tintarella in modo tale da abbandonare al più presto il pallore che ci ha accompagnato per tutto l’inverno. Il problema  che però affligge molti di noi è proprio il primo sole: la prima giornata al mare è sempre ( o quasi) un trauma. Già soltanto trovare un costume che non si prenda a cazzotti con la pelle bianchiccia è tanto…infatti per non sbagliare è sempre meglio optare per un classico nero, i bikini color  fluo o iper accesi lasciamoli nel cassetto ancora per qualche settimana. Ma se ci fermiamo a dare un’occhiata sul web, notiamo che tante blogger e influencer hanno sempre la pelle perfetta e ambrata.. sarà merito dei numerosi viaggi ? I DON’T CARE!

Il loro segreto è l’AUTOABBRONZANTE. Da qualche anno a questa parte stanno spopolando e sono lo strumento perfetto per ottenere in pochi istanti una pelle baciata dal sole senza rischi e controindicazioni; a differenza delle lampade che, invece, a lungo andare provocano danni irrimediabili alla pelle provocando invecchiamento precoce e macchie ad esempio. Il boom della tintarella artificiale è dovuto al fatto che negli anni la ricerca scientifica ha portato alla creazione di prodotti sempre più performanti e sicuri. Sul mercato ci sono  molte tipologie di autoabbronzanti: alcuni regalano un colorito al derma istantaneamente mentre altri ‘abbronzano’ in maniera graduale in seguito a diverse applicazioni. Per ottenere una performance perfetta è fondamentale applicarli in maniera uniforme onde evitare la comparsa di macchie e discromie decisamente antiestetiche! La regola base è quella di stendere il prodotto dai piedi per poi risalire lungo tutta la gamba;  per ottenere un risultato migliore è fondamentale avere la pelle liscia e idratata e ovviamente la depilazione deve essere fatta 24h prima  dell’applicazione. E’ importante non dimenticare alcuni punti del corpo che potrebbero passare inosservati: ginocchia, gomiti e talloni sono zone ben visibili. L’ansia che assale molti di noi  e ci rende un po’ titubanti sull’utilizzo di questo prodotto è la paura  di macchiare gli abiti; ad oggi gli autoabbronzanti si asciugano velocemente e ci si può rivestire  senza problemi; se non si vuole rischiare l’ideale sarebbe quello di stendere il prodotto la sera prima  oppure di indossare abiti scuri.

Crema, mousse, spray e salviette sono le proposte sul mercato; sicuramente le texture cremose sono più facili da applicare ma bisogna ricordarsi di sciacquarsi sempre le mani altrimenti si può ricorrere a guanti di lattice o spugnette per evitare di ritrovarsi le mani aranciate.  Tra le creme migliori c’è Ideal soleil Autobronzant Lait Hydratant di Vichy o Terracotta Sunless Gel di Guerlain. Gli spray sono più rapidi e riescono a raggiungere le parti più critiche del corpo ma vanno sempre applicati a 20cm di distanza ad esempio c’è Instant Sunless spray di Vapo o Self Tanning legs di Pocket. Per il visto invece, essendo una zona delicata, è meglio usare dei prodotti specifici visage oppure delle salviette come

Sun Kissed Drops di Lancaster o Instant  tanning One Day Color di Comodynes. Ovviamente gli autoabbronzanti sono perfetti per intensificare e prolungare il colorito di chi è già abbronzato ma un questo caso ricordate che questi prodotti non hanno la SPF.. quindi bisogna sempre  ricorrere a una protezione solare adeguata quando si prende il sole!

Francesca Tantillo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...